DISGRAFIA? Ecco come fare.

bimba studia

Imparare a scrivere, ma anche prevenire e recuperare eventuali difficoltà grafomotorie, possono essere facilitate da attività di MOTRICITÀ FINE della mano che, fin dalla scuola dell’infanzia, permettono al bambino di acquisire una gestualità agile e funzionale all’attività di scrittura.

Non si scrive solo con le mani.

Preschool age child writing

Anche altre parti del corpo sono implicate in questa attività, in particolare la spalla, l’avambraccio e il polso che dovranno acquisire scioltezza ed essere rinforzati per ridurre la fatica di scrivere e rendere più fluido e coordinato il gesto.

 

Esercizi sotto forma di gioco

esercizi

È  una buona idea che gli esercizi di movimento vengano proposti ai bambini sotto forma di gioco.

Movimenti di rotazione o di contrazione e decontrazione alternati delle spalle (spesso rigide durante la scrittura in caso di postura e prese sbagliate  della penna), oltre a movimenti di flessione e rotazione delle braccia e dei polsi sono di grande utilità.

Infine, si possono proporre esercizi di motricità fine, ossia a carico delle dita, che facilitano la corretta presa dello strumento e, in seguito, l’acquisizione della scioltezza e della velocità del gesto grafico.

E’ difficile dare delle indicazioni valide per tutti.

L’impostazione degli interventi, infatti, varia da caso a caso e viene decisa dopo un’attenta valutazione delle difficoltà e dei disturbi che interessano il bambino.

In ogni caso sviluppare una più sciolta motricità fine, facilita  lo scorrimento della matita sul foglio, e ottimizza la presa della matita, non troppo rigida, nè  troppo “molle” , è un equilibrio sinergico tra muscoli agonisti e antagonisti della mano che  AGEVOLERÀ MOLTO IL BIMBO  E LE SUE DIFFICOLTÀ.

bim

FacebookMore...